Commenta

Chromavis Abo, il
nuovo coach è
Dino Guadalupi

Sarà Dino Guadalupi il nuovo allenatore della Chromavis Abo per la stagione 2019/20.  Guadalupi prende così il posto di Leo Barbieri che, da subentrato, aveva portato Offanengo ad un passo dalla promozione in A2. Nato a Brindisi nel 1976, il nuovo tecnico della Chromavis è reduce dall’esperienza proprio in A2 con Baronissi, mentre precedentemente si era seduto sulle panchine di Montella (B1), Pavia (B1), Brindisi (B1) e Sala Consilina (A2). Per Guadalupi anche un’esperienza in A1 da vice allenatore alla Cuatto Volley Giaveno nel 2012-13.

“Abbiamo scelto Dino Guadalupi – spiega il direttore sportivo della Chromavis Abo, Stefano Condina – perché tra i profili analizzati e le persone incontrate in questa manciata di giorni abbiamo trovato in lui subito sintonia di idee, di lavoro e progettualità. Il curriculum parla da sé per l’esperienza e su questo versante l’aspetto che mi è piaciuto maggiormente è quello che ha fatto la gavetta in tutti i ruoli dello staff, vivendo tutte le categorie. Pur essendo ancora giovane, ha già un bagaglio tecnico e di esperienza notevole che porterà a Offanengo. Da lui si riparte con lo stesso entusiasmo che abbiamo, nella convinzione che come sempre sia il lavoro quotidiano in palestra a fare la differenza”.

“In questo periodo – le prime parole del nuovo tecnico della Chromavis Abo – sono più affascinato da situazioni stabili e da progetti. In questi anni, Offanengo si è guadagnato una grossa credibilità, compiendo sempre step di crescita molto oculati, sintomo di progettualità. La telefonata del ds Condina mi ha confermato questa ipotesi e l’impatto è stato molto positivo. Infine, ho avuto la possibilità di vedere due partite di Offanengo nei play off e sono rimasto affascinato dall’ambiente: la squadra mostrava comunità di intenti ed è stata sostenuta fino alla fine dal pubblico”. Quindi aggiunge. “Il mio obiettivo principale è conoscere a fondo le potenzialità della struttura, con la prima responsabilità della conduzione tecnica della squadra verso il più proficuo rendimento. Gli obiettivi sono abbastanza chiari: far meglio dell’anno scorso vuol dire una cosa sola (puntare all’A2, ndc), anche se non è una cosa semplice. Sappiamo che il girone A (dove era inserito la Chromavis Abo) è molto competitivo, con 4-5 squadre che puntavano alla serie A. Io credo molto nel lavoro e dall’organizzazione, le cose non vengono dall’alto ma si guadagnano. Il campionato è lungo; dall’esperienza dell’alto livello che ho maturato spero di portare l’attenzione del tendere verso l’eccellenza”.

Guadalupi entra poi nei dettagli: “Credo, in questa fase della pallavolo italiana ed eccezion fatta per le prime 4-5 squadre di A1, sia un po’ un’utopia credere in un tipo di volley; certo, la filosofia c’è, ma va adattata alle caratteristiche a disposizione. Sarà importante lavorare per esaltare buone sinergie insieme. Dagli ultimi miei studi, ma credo ormai condivisi da tutti, ritengo la fase break ormai incisiva a tutti i livelli: credo che battuta e muro-difesa siano diventati l’ago della bilancia e in palestra dedico molto tempo a questo. L’altro aspetto (il cambiopalla) è un po’ più semplice e vedremo anche le caratteristiche della squadra”.

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti

Direttore
Mario Silla (direttore@cremonaoggi.it)

Redazione

Via Bastida 16 – 26100 Cremona / Telefono 0372 805 666 / Fax 0372 080169 | redazione@cremonaoggi.it

Pubblicità
pubbli@cremonaoggi.it | 0372 080167/080168

Cremonaoggi Ed. UNOMEDIA srl, via Rosario 19, Cremona Direttore Responsabile Mario Silla.
Iscritto nel pubblico registro presso il Tribunale di Cremona al numero 461 dal 29 aprile 2011

 

Created by Dueper Design | Hosting by Emberware