Commenta

Nel Galà del Dossena
calcio, volley e basket
Premiata la Pergolettese

Si è svolto nella consueta cornice del san Domenico il galà di presentazione dell’edizione numero 43 del Dossena, trofeo internazionale di calcio “under19”, il cui inizio è previsto per mercoledì 29 maggio al Voltini, per il match inaugurale alle 21, tra Rappresentativa Cremasca e Olimpija Liubljana. L’incontro sarà preceduto nel tardo pomeriggio, dall’esordio al Dossena del calcio femminile, con l’amichevole tra Chievo e Atalanta Mozzanica.

I gironi. Otto le formazioni che si sfideranno, nei due gironi: Girone A, comprendente Cremonese, Chievo, Rappresentativa Cremasca e gli sloveni dell’Olimpija LiubljanaGirone B, con Spal, Brescia, Rappresentativa Nazionale LND Under 18 e i giapponesi del Gois. Gli incontri valevoli per la seconda e la terza giornata si disputeranno giovedì 30 e venerdì 31, sui rettangoli di gioco di Capergnanica, Cremona, Sergnano, Soresina, Soncino, Vaiano Cremasco e, fuori provincia, ad Asola (MN), Calcio (BG), Caravaggio (BG) e Dello (BS). Semifinali e finali al Voltini, rispettivamente domenica 2 e lunedì 3 giugno.

Di Biagio, tra passato e presente. Sul palcoscenico, il ct della nazionale italiana under 21, Luigi Di Biagio, al quale il presidente Angelo Sacchi ha consegnato il premio “Giorgio Giavazzi – Stelle del Dossena”. Il ct degli azzurrini, ha ricordato la sua presenza da giocatore nel ’92 con la nazionale di C allenata da Boninsegna e stimolato dalle domande di Marco CivoliCristina Firetto e dalla partecipazione di Luca Bianchin per La Gazzetta dello Sport, ha ripercorso le tappe della sua carriera, contraddistinta dalla partecipazione a due campionati Mondiali, un Europeo, compagni di squadra del calibro di Baggio, Del Piero, Totti, Ronaldo (il Fenomeno) e recentemente, anche la breve apparizione sulla panchina della nazionale maggiore, in veste di traghettatore nel dopo Ventura. Ora per il tecnico romano l’impegno dell’Europeo under 21, che lo vedrà a Bologna i prossimi 16, 19 e 22 giugno, rispettivamente contro Spagna, Polonia e Belgio nella fase a gironi, con l’obiettivo di tornare al successo nella massima competizione continentale ,che manca dal 2004.

Eccellenze del territorio. Premiati l’AC Crema non vedenti e la Volley 2.0. Per le ragazze è arrivata la promozione in serie B2, dopo la vittoria con Legnano al termine di una grande stagione. Applausi per tutta la rosa, con in testa coach Matteo Moschetti e capitan Ester Cattaneo, i quali hanno evidenziato il sacrificio delle ragazze, molte delle quali giovanissime che conciliano attivà agonistica e impegno scolastico. “Chi diverte richiama il pubblico e noi abbiamo saputo coinvolgerlo” ha detto capitan Cattaneo. Per i nerobianchi del presidente Enrico Zucchi, non ci sono più aggettivi, rappresentano una realtà del panorama sportivo italiano, con la conquista dello scudetto per il secondo anno consecutivo e l’idea Champions League in cantiere. Per giocatori e staff, si moltiplicano i consensi, per la proposta di inclusione e promozione sociale attraverso lo sport, fiore all’occhiello del progetto Sportabilità. Superando i campanilismi, applausi da parte di tutta la platea anche per la Vanoli Cremona, presente con il presidente Aldo Vanoli, il capitano Travis Diener e lo straordinario coach Meo Sacchetti.

Lombardo, cuore gialloblù. Ad Attilio Lombardo, neo assistente tecnico di Roberto Mancini sulla panchina azzurra, presente da giocatore al Dossena con il Pergocrema (1983 e 1985), il premio Stella del Passato. Nel curriculum del numero 7 di Zelo Buon Persico, 3 scudetti con Sampdoria, Juventus e Lazio, in una carriera impreziosita dalla Champions conquistata nella finale di Roma del 1996 con la Juve. Il legame con l’amico Mancini l’ha portato a seguire il ct azzurro anche nelle esperienze al Manchester City e al Galatasary e nel nuovo ruolo di collaboratore tecnico, un’indicazione per i giovani: “Il rapporto tra educazione e performance? L’una ti porta ad arrivare all’altra”. L’ex Pergo prima di lasciare il palcoscenico ha consegnato il premio speciale alla Pergolettese, per la storica promozione in serie C.

Sport & legalità. Momento particolarmente intenso, quello che ha visto sul palco Gianni Maddaloni, a cui è andato il premio alla memoria di Daniele Redaelli. Maddaloni ha parlato della sua Scampia, dei progetti volti a promuovere attraverso la pratica sportiva la cultura della legalità e dell’inclusione, senza differenze di qualsiasi tipo. Alla domanda sui progetti futuri, posta dal giornalista della Gazzetta dello Sport, Luca Bianchin, Maddaloni non ha esitato: “La cittadella dello sport a Scampia”, perché lo sport può tutto e ancor di più nelle periferie, dove c’è tanto bisogno di investimenti.

Ilario Grazioso

© Riproduzione riservata
Commenti

Direttore
Mario Silla (direttore@cremonaoggi.it)

Redazione

Via Bastida 16 – 26100 Cremona / Telefono 0372 805 666 / Fax 0372 080169 | redazione@cremonaoggi.it

Pubblicità
pubbli@cremonaoggi.it | 0372 080167/080168

Cremonaoggi Ed. UNOMEDIA srl, via Rosario 19, Cremona Direttore Responsabile Mario Silla.
Iscritto nel pubblico registro presso il Tribunale di Cremona al numero 461 dal 29 aprile 2011

 

Created by Dueper Design | Hosting by Emberware